Stefani Sport

03 Dicembre 2020

Nessun commento

Pagina iniziale Blog Fisioterapia

Alluce valgo: cos’è e come curarlo

Alluce valgo: cos’è e come curarlo

L’alluce valgo è una deformità della parte anteriore del piede conseguenza di una deviazione del primo dito (alluce) verso le altre dita del piede.

Questo spostamento causa un tipico rigonfiamento laterale a livello della testa del primo metatarso. L’angolo tra il metatarso dell’alluce e quello del secondo dito si modifica progressivamente, con spostamento della base dell’alluce verso l’esterno. Nel corso degli anni si possono instaurare anche deformità delle altre dita e forti dolori al piede (metatarsalgie).

 

Alluce valgo

 

LE CAUSE

L’alluce valgo può insorgere per una predisposizione individuale o per una scorretta biomeccanica del piede legata a diversi fattori, come un piede cavo-valgo oppure per utilizzo di calzature non adatte. Il piede cavo-valgo (in particolare nell’alluce valgo giovanile) apparentemente ha l’aspetto di un piede piatto, ma all’esamepodoscopico(un’analisi effettuata mediante una specifica apparecchiatura che permette di valutare l’impronta plantare) mostra una impronta tipica del piede cavo. Questa conformazione del piede è particolarmente frequente in bambini e adolescenti.

 

Alluce Valgo

 

La causa più frequente dell’insorgere dell’alluce valgo è spesso l’utilizzo di calzature non adatte (scarpe a punta e con tacchi alti), perché quando il piede nudo è appoggiato al suolo il carico è diviso per il 55% sul tallone e per il 45% sulle dita; con un tacco di 2 cm il carico si equilibra al 50% tra tallone e dita, ma con un tacco di 9 cm il carico grava per l’80% sull’avampiede per il 20% sul tallone. E quando la calzatura con tacco alto ha anche la punta stretta, l’alluce e il 5° dito vengono spinti verso il centro del piede, cioè in una posizione «in valgo» per l’alluce.

 

I SINTOMI

La progressiva modificazione dell’angolazione dell’alluce può provocare diversi disturbi: nelle forme iniziali si infiamma il 1° metatarso e si instaura un tipico rigonfiamento sul lato interno del piede, la cosiddetta “cipolla” (testa del metatarso), che può arrossarsi e gonfiarsi. Il paziente avverte dolore, soprattutto in seguito allo sfregamento con le scarpe. Nelle forme avanzate la deviazione dell’alluce diventa sempre più marcata e ne risentono anche le altre dita del piede. Dal calcagno e dalle teste di 1° e 5° metatarso il carico si trasferisce su 2°, 3° e 4° metatarso provocando dolore (metatarsalgie) e ulteriori deformità (dita a martello).

Alluce Valgo

 

LE CURE

Nelle forme iniziali, se si interviene in tempo, l’uso di un plantare può evitare peggioramenti, ma non può far regredire la patologia. Un’altra opzione che si può valutare è quella di utilizzare un tutore in silicone, ovvero un piccolo divaricatore che va inserito nell’alluce interessato dalla patologia. Questo piccolo accessorio permette di alleviare i sintomi e il dolore perché mantiene l’alluce nella giusta posizione ed evita lo sfregamento con le altre dita e con le scarpe.

Tra i rimedi non chirurgici, possono aiutare anche dei semplici esercizi che servono per mantenere mobile l’articolazione dell’alluce, conservando la flessibilità e rinforzando i muscoli intrinseci del piede, rallentando la progressione della patologia.

Quando le deformità dell’alluce sono troppo rigide, possono essere corrette solo con l’intervento chirurgico. Le tecniche sono moltissime e la scelta dipende molto dal singolo caso: bisogna individuare la procedura chirurgica più indicata per ogni tipo di paziente e di alluce valgo, definita in base a diversi parametri tra cui età del paziente, entità della deformità, condizioni generali e locali del piede, presenza di deformità alle altre dita, ecc.

Vediamo ora quali sono i migliori esercizi da fare per alleviare il dolore causato dall’alluce valgo e per prevenire il suo aggravamento:

 

1° esercizio: automassaggio con la pallina

Per questo esercizio puoi utilizzare una piccola pallina da tennis o comunque una pallina morbida e di dimensioni simili a quella utilizzata per giocare a golf. Far rotolare il piede su una pallina da tennis fornisce un massaggio auto-controllato ed allunga la parte inferiore del piede e la fascia plantare.

Per eseguire l’esercizio, mettiti seduto su una sedia e posiziona la pallina da tennis sotto il piede interessato. Applica una leggera pressione (senza esagerare) per spingere la palla sul pavimento, facendola rotolare avanti e indietro con un movimento regolare, dalle dita dei piedi fino al tallone e viceversa. Esegui il movimento per 30 secondi.

Ripeti questo esercizio da due a quattro giorni alla settimana per alleviare i sintomi.

 

Alluce valgo esercizi

 

2° esercizio: camminare senza calzature

Un buon esercizio per l’alluce valgo è quello di camminare a piedi nudi, evitando così di mettere ulteriore pressione sulla borsite. Le scarpe (specialmente quelle più strette) non permettono al piede e alle dita di muoversi liberamente, rimanendo quasi immobili per tutta la giornata. Questo può provocare un indebolimento dei muscoli e dei legamenti del piede, aumentando così il rischio di sviluppare l’alluce valgo e altri problemi che riguardano questa zona.

Camminare scalzi, può rafforzare i muscoli delle dita dei piedi, diminuendo quindi la possibilità di aggravare la borsite o addirittura prevenirne la sua formazione. Se ne hai la possibilità, puoi andare anche a camminare sulla sabbia (in spiaggia) o sull’erba del prato. Questo tipo di superficie può darti un leggero massaggio ai piedi e aiutarti a rafforzare le dita.

 

3° esercizio: mobilizzazione dolce dell’articolazione dell’alluce

Ti consiglio di eseguire questo esercizio da seduto col piede appoggiato al ginocchio della gamba opposta o su uno sgabello. Afferra l’alluce e prova a muoverlo sia in senso orario che antiorario. Poi prova a disegnare un 8. Esegui circa 30 ripetizioni per lato. Questo movimento è molto utile per ridurre il senso di rigidità tipico dell’alluce valgo.

Puoi provare a piegare l’alluce avanti e indietro sia passivamente che usando solo la muscolatura del piede.

 

4° esercizio: esercizio con asciugamano

Puoi fare questo esercizio da seduto su una sedia senza indossare le scarpe e per eseguirlo avrai bisogno solo di un asciugamano. Tutto quello che devi fare è appoggiare per terra un asciugamano davanti al piede con l’alluce valgo e, tenendo il tallone a contatto con il pavimento, trascina il panno verso di te con le dita dei piedi.

 

Alluce valgo

 

Cerca di ripetere l’esercizio per almeno 10 ripetizioni per ogni sessione; una volta che hai capito bene come effettuare il movimento, puoi aumentare le tue ripetizioni giornaliere.

Questo esercizio rafforza i muscoli della pianta del piede e può correggere gli squilibri muscolari che possono causare lo sviluppo della patologia.

 

5° esercizio: dita a ventaglio

Sempre seduto con i talloni ben appoggiati a terra, solleva le dita del piede, aprile il più possibile e riappoggiale una alla volta partendo dal V dito (il mignolino). Esegui almeno 10 ripetizioni.

 

6° esercizio: raccogli la penna da terra

Un altro esercizio efficace che puoi eseguire per mantenere il piede flessibile è raccogliere una penna appoggiata a terra, con le dita dei piedi. Cerca di farlo senza sollevare il tallone da terra e cercando di inarcare bene la fascia plantare. Ripeti almeno 10 volte.

 

Alluce valgo

 

7° esercizio: allenamento dei glutei

Infine è utile anche un esercizio di tonificazione dei glutei, che aiutano a controllare l’allineamento del ginocchio e quindi il carico sui piedi. Per questo esercizio serve una fascia elastica circolare e abbastanza resistente, che va posizionata intorno ai piedi, all’altezza delle dita. Bisogna mettersi in piedi con le ginocchia leggermente piegate ed eseguire una camminata laterale mantenendo sempre la tensione dell’elastico. Si eseguono piccoli passi sia verso destra che verso sinistra. Mantenere l’andatura per 30 secondi, riposare 10 secondi e ripetere per 3 volte.

 

Alluce valgo

 

Se hai tempo, cerca di eseguire questi esercizi per l’alluce 2 volte al giorno, una volta al mattino e alla sera. Gli esercizi possono essere facilmente incorporati nella routine quotidiana, ad esempio quando guardi la televisione o quando sei seduto alla scrivania dell’ufficio.

In caso di intervento chirurgico, è consigliato riprendere gli esercizi del piede 3 settimane dopo l’operazione. Se desideri maggiori informazioni sul dolore al piede o un piano personalizzato con i migliori esercizi per l’alluce valgo adatti alla tua situazione, mettiti in contatto con un fisioterapista per una consulenza professionale.

 

Lo staff fisioterapico di Stefani Sport